Share This:

Un contest tramite vetrina: il sistema riconosce se quanto sei alla moda e ti premia con un paio di scarpe

In occasione della settimana della moda newyorkese del 2018, il marchio sportivo New Balance ha collocato in vari punti di SoHo (NY) degli schermi digitali dotati di videocamere. Grazie alle tecniche della computer vision e della computer screening, il sistema era in grado di scansionare e valutare gli outfit dei passanti e, quando individuava un vestito particolarmente elegante o cool, fermava l’immagine di quella persona sullo schermo e le notificava la vincita di un paio di scarpe New Balance omaggio.

In una settimana in cui vi è una particolare enfasi sulla moda ed un’incredibile eccitazione per le nuove tendenze, New Balance vuole celebrare le persone che si esprimono in modo originale e personale“, afferma Allie Tsavdarides, Direttore Marketing di New Balance. “New Balance è, infatti, un marchio che vanta una lunga tradizione basata sull’originalità e la capacità di sfidare le convenzioni. Per questo sosteniamo questo progetto che consente di riconoscere e premiare coloro che sostengono con sicurezza il loro stile unico“.

Oltre che nel quartiere SoHo di New York, la vetrina interattiva New Balance con il sistema Real Time Exception Spotting integrato è stata installata anche a Toronto, Stoccolma e Madrid.


Ma come funziona il sistema integrato nella vetrina New Balance?

Il sistema intelligente su cui si basa Real Time Exception Spotting è in grado di auto-apprendere nuovi pattern e colori: scansionando tramite la videocamera la folla di individui che transitano davanti alla vetrina New Balance, il sistema raccoglie input su forme, colori e dettagli come modelli, stili e accessori. Tali dati sono poi utilizzati per identificare eventuali anomalie che corrispondono a outfit originali e “fuori dal coro”, premiandoli con le scarpe omaggio.

Oltre alla visibilità e alla pubblicità, il vantaggio di questo progetto per New Balance è stata l’acquisizione di dati sugli stili più utilizzati dai passanti nei loro outfit; informazioni preziosissime da utilizzare per l’ideazione delle nuove collezioni di prodotti.

Il brand, però, ha voluto precisare che l’intelligenza artificiale non ha raccolto alcuna informazione personale né si è avvalsa di strumenti come il riconoscimento facciale; perciò non è stato raccolto, né tantomeno conservato, alcun dato personale dei passanti.

Un ulteriore vantaggio di questo sistema, inoltre, è il fatto che, a differenza della normale street photography e del trendspotting, il metodo di valutazione dell’originalità non è soggettivo e quindi non soggetto ad eventuali gusti o pregiudizi.

Articoli su tematiche simili:

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore . Scopri di più qui

Leggi articolo precedente:
Billboard e cartelloni pubblicitari sono ancora efficaci?

Negli ultimi tempi il segmento delle cosiddette “pubblicità digitali all'aperto” è cresciuto di anno in anno del 15%. Oggigiorno è...

Chiudi