Share This:

Un avatar che aggrega visivamente i dati della cartella clinica per facilitare i medici

I ricercatori del Zurich Research Lab di IBM hanno presentato un prototipo che consente ai medici di visualizzare i dati specifici del paziente direttamente guardando il corpo umano: un avatar (una rappresentazione 3d del corpo umano) che consente ai medici di visualizzare le cartelle cliniche in un modo completamente nuovo chiamato ASME (Anatomic and Symbolic Mapper Engine).

È come Google Earth per il corpo umano” ha affermato Andre Elisseeff, ricercatore IBM, “nella speranza di accelerare il passaggio dalle cartelle cliniche elettroniche, abbiamo cercato di rendere le informazioni facilmente accessibili per gli operatori sanitari, combinando i dati medici con la rappresentazione visiva, il che rende più semplice possibile interagire con i dati stessi”.

 

 

Il vantaggio di Medical Avatar

Ad oggi se un paziente si reca a una visita medica specialistica, il dottore chiede direttamente all’utente informazioni sulla sua storia medica ed eventualmente effettua accertamenti, ma molto raramente ha accesso all’intera cartella clinica e a tutti i dettagli passati della salute del paziente in questione.

Attraverso il sistema ASME i dottori possono inquadrare tramite un monitor una specifica zona dell’avatar e immediatamente visualizzare sullo schermo tutti i dati disponibili sulla storia medica del paziente relativamente alla zona inquadrata.

Il medico potrà anche visualizzare radiografie, risonanze magnetiche e/o i risultati di test medici di laboratorio, oppure può filtrare la ricerca restringendo i parametri di ricerca.

 

Fonte immagine: screenshot tratto dal video disponibile al link https://youtu.be/k06yHe4BKYw

 

Come è stato possibile realizzarlo?

La sfida principale era riuscire ad acquisire e aggregare in real-time dati provenienti da fonti eterogenee, dando senso a informazioni anche molto complesse. Per questo il software alla base del Medical Avatar sfrutta un algoritmo di machine learning associato alle più avanzate tecniche di grafica 3d (per visualizzare come in una radiografia il corpo dell’avatar, che replica perfettamente quello di un essere umano vivente). Per associare le inquadrature a “vista a raggi x” dell’avatar ai dati clinici ASME utilizza SNOMED, la nomenclatura medica che comprende circa trecentomila termini propri del settore sanitario.

Quando è nato il Medical Avatar

Il Medical Avatar di IBM è stato presentato la prima volta al CeBIT 2008.

Il CeBIT (acronimo del tedesco “Centrum für Büroautomation, Informationstechnologie und Telekommunikation”) è la più importante fiera del mondo dedicata all’information and communication technology. La fiera si tiene una volta all’anno, ha un’area espositiva di 450mila m² ed è arrivata a raccogliere (record del 1995) fino 755mila visitatori.

Nonostante non sia una tecnologia recentissima, il Medical Avatar è ancora oggi oggetto di innumerevoli apparizioni a eventi e fiere.

 

 

 

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore . Scopri di più qui

Leggi articolo precedente:
Vita Mojo: il ristorante grazie alla tecnologia si fa ancora più salutare e personalizzabile

Vita Mojo è è attento alla tua salute alimentare: tramite la app del ristorante è possibile comporre il piatto e...

Chiudi