Share This:

 

A cosa serve IKEA Place?

IKEA Place è un’applicazione, disponibile al momento solo per iOS, che consente di vedere come potrebbe essere inserito un prodotto o un mobile Ikea nella propria abitazione, nel proprio ufficio, o in qualunque spazio ci si trovi davanti.

Di fatto inquadrando un ambiente con il proprio telefono/tablet l’applicazione consente di proiettare virtualmente e in modo fittizio un mobile IKEA nello spazio, così da potersi fare un’idea di come apparirebbe se posizionato lì veramente e se a dimensioni ci starebbe (la proiezione, infatti, “si inserisce nello spazio conservando le proporzioni reali).

 

 

ARKIt di Apple: la tecnologia che IKEA aspettava per realizzare la sua applicazione

IKEA Place è utilizzabile solo dal nuovo sistema operativo iOS 11 ed è stata realizzata utilizzando l’innovativa tecnologia Apple dedicata alla Realtà Aumentata: ARKit.

ARKit è il nuovo framework realizzato da Apple per facilitare la produzione di applicazioni per la realtà aumentata da parte degli sviluppatori, che materialmente creano il software. Invece di dovere scrivere da zero regole e algoritmi per le loro app, gli sviluppatori possono usare gli strumenti di ARKit per fare più in fretta e ottenere risultati migliori.

Con realtà aumentata (AR) si intende la sovrapposizione in tempo reale di immagini virtuali in un contesto reale. Sistemi per ottenere questo effetto esistono da tempo, ma hanno iniziato a diffondersi solo negli ultimi anni grazie alla diffusione degli smartphone: l’AR per funzionare ha bisogno di una fotocamera che riprenda un ambiente reale, sul quale sono poi sovrapposti gli oggetti virtuali. La parte complicata è fare in modo che l’oggetto virtuale risulti il più realistico possibile, perciò deve riuscire a reagire al movimento del device allo stesso modo degli oggetti reali inquadrati dalla fotocamera, come se si trovasse effettivamente nell’ambiente.

È da tempo che IKEA stava aspettando una tecnologia come ARKit che gli permettesse di lavorare su qualcosa come quest’app.

Secondo Michael Valdsgaard manager delle trasformazioni digitali all’Inter Ikea Systems: “Questo è uno di quei momenti dove tutto sembra funzionare. La tecnologia che si sviluppa sempre più, una piattaforma software fornita da Apple e un ambito d’utilizzo adatto a tutto questo, ovvero quello del posizionare mobili in un ambiente. È come se tutto ciò che non sei mai stato capace di fare prima ora è improvvisamente possibile”.

 

IKEA Place: il frutto della collaborazione sinergica tra più realtà

Oltre che con Apple, IKEA ha collaborato con diverse realtà per riuscire a realizzare la sua applicazione IKEA Place; in particolare, per quanto riguarda la promozione e la definizione della strategia di marketing, il colosso svedese si è avvalso della partnership con 72ansSunny, una nota agenzia di marketing, advertising e design di Amsterdam.

Secondo quanto dichiarato da Simon Summerscales, communication Strategist di 72ansSunny: “Il nostro ruolo è stato fin da subito quello di dare un valore commerciale e di mercato al progetto e francamente non è un lavoro già finito. È qualcosa su cui stiamo lavorando e continueremo a lavorare con IKEA”.

Tra le altre cose, l’agenzia di Amsterdam si è occupata di ideare il nome dell’applicazione: IKEA Place. “Place” è stato scelto per indicare l’idea della casa, di un luogo che si sente proprio. L’idea di fondo, infatti è che quest’applicazione ci aiuta a renderci conto di come il bel design può trasformare completamente uno spazio, rendendolo più adatto alle nostre esigenze e più “nostro”.

 

 

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore . Scopri di più qui

Leggi articolo precedente:
Facebook: quali novità per il 2018?

Quali novità ha in programma Mark Zuckerberg per Facebook nel 2018? Quali dritte possono essere utili a chi si occupa...

Chiudi